Calcio inglese nella bufera: la Premier non è solo spettacolo

La Premier Leaugue, ovvero il campionato massimo di calcio inglese che può essere paragonato alla serie A italiana, è ora al centro di una polemica, visto che lo spettacolo non è il solo elemento che viene preso in considerazione. Noiosa, emozionante, sopravvalutata oppure criticata senza motivo: sono questi i vari termini che, spesso e volentieri, vengono attribuiti alla Premier League, ovvero al campionato massimo inglese.
Questi aggettivi, per molte persone, sono tutto sulla Premier League, ovvero non fanno altro che identificarla con grande facilità ma, per molte altre persone, il campionato inglese di calcio non è solo spettacolo.
Moltissimi ritengono infatti che, il fattore calcio vero e proprio, sia venuto a mancare da diverso tempo nel campionato massimo inglese ed anzi, vi è chi accusa società e organi che la dirigono di essere maggiormente interessati agli interessi economici che derivano dal campionato senza assicurare un ottimo spettacolo ai tifosi.
Queste frasi gettano ulteriore fango sullo sport stesso soprattutto in quanto, ad essere attaccata, è la nazione dove il calcio viene definito come arte e dove, se non lo si segue, non è possibile essere definiti col termine di sportivi.
Il calcio inglese, negli ultimi anni, è calato parecchio, soprattutto a livello europeo: se si prendono i risultati delle varie formazioni in Champions ed in Europa League, è possibile notare come gli inglesi siano ben lontani dai trofei da diversi anni.
Ed anche la nazionale inglese non ne esce bene, visto che essa è stata ridicolizzata negli ultimi Europei di calcio, ovvero quelli che hanno avuto sede in Francia.

Tutto questo non fa altro che alimentare una polemica che sembra essere praticamente impossibile da placcare, almeno per ora.
Probabilmente, con migliori risultati, il calcio inglese potrebbe scrollarsi di dosso questa pesante macchia che ora gli è stata cucita addosso e che ha colpito la Premier, definita come la signora del commercio inglese e non del calcio sportivo vero e proprio.…

La migliore app per pronostici calcio

Scommettere sui risultati delle partite di calcio non è mai stato così semplice grazie alla creazione di numerosi applicazioni che aiutano gli utenti a pronosticare il risultato più vicino alla realtà. Tra queste spicca senza dubbio l’app Pronostici Calcio grazie ad un sistema incrociato di parametri, tra quote e statistiche che consentono di monitorare nel miglior modo possibile i dati analitici al fine di creare un pronostico attendibile e destinato a farvi guadagnare.

Un team di esperti restituisce quotidianamente una griglia di dati, frutto di tutte le partite dei campionati italiani permettendovi di elaborare il miglior risultato possibile, compatibile con le statistiche presentate dal sistema. Uno dei meriti di questa app è sicuramente la sua estrema facilità d’utilizzo che permette anche a chi è a digiuno dei meccanismi calcistici di formulare un pronostico e magari augurarsi di vincere una cospicua somma di denaro.

A differenza delle altre app sui pronostici di calcio, Pronostici Calcio offre un’esperienza a 360° gradi permettendo ai suoi utenti di consultare anche i risultati delle coppe europee consentendovi di formulare degli interessanti pronostici legati alle partite della Champions League e dell’Europa League. La possibilità poi di condividere tramite un pulsante i pronostici suggeriti dall’app consente ai suoi utenti di confrontarsi con altri appassionati di calcio creando nei vari social specializzati delle vere e proprie aree di discussione.

Con la voce Palinsesto di oggi siamo costantemente aggiornati sulle partite che vengono giocate quotidianamente e dunque informati su che tipo di scommessa possiamo fare per poter guadagnare dal relativo pronostico. In definitiva quello che colpisce di questa applicazione è il filo diretto che instaura con i suoi utenti i quali vengono usualmente avvisati su tutte le principali novità legate alle partite di calcio grazie allo strumento delle notifiche che possiamo tranquillamente scegliere se abilitare oppure no.…